Alpe Angeloga – rifugio Chiavenna

Per maggiori informazioni
CLICCA QUI

Il weekend scorso Lorenzo ha organizzato questa bellissima escursione insieme agli amici dell’università, suoi storici compagni di avventure. Siamo saliti all’Alpe Angeloga, al rifugio Chiavenna.

La salita, specialmente all’inizio è stata parecchio impegnativa perché era una giornata molto calda e afosa. Inoltre Stella non aveva nessuna voglia di camminare quindi Lorenzo si è dovuto fare gran parte della salita con lei in spalla. 30gradi, sole a picco e 20kg di zaino… Un eroe, altro che Ironman! Stella potrà continuare a godere di questo confort ancora per poco.

Arrivati in cima era talmente bello, che ci siamo tutti dimenticati della fatica, almeno io. C’erano tantissime mucche al pascolo con i loro vitellini e arrivati all’alpeggio, girato l’angolo, è apparso sulla destra un bellissimo laghetto. 

Ci siamo fermati a mangiare al rifugio e abbiamo tutti ordinato gli gnocchi al formaggio che da queste parti chiamano pizzoccheri, giusto per confondere le idee.

Il servizio al tavolo era molto confusionale, ma fortunatamente ne erano coscienti e si sono scusati per il disagio. Tutto sommato alla fine sono stati veloci e il cibo era buono.

Nel pomeriggio abbiamo fatto il giro del lago e ci siamo fermati dall’altra parte per rilassarci un po’. Gli ingegneri hanno giocato a carte, io e Stella invece abbiamo scattato qualche foto ai fiori rosa, ricoperto una cacca di mucca secca con i petali dei fiori, giocato a dar da mangiare ad una marmotta o meglio alla sua tana… e “lavato” i sassi lanciandoli nel lago.

Dall’altra parte del lago c’era chi pescava e chi faceva il bagno. C’era anche qualcuno che aveva messo giù la tenda per la notte. Fermarsi lì a dormire deve essere molto bello! 

 

 

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *